Perché Joker è un successo - Chris Fx
Chris Fx è un filmmaker e fotografo specializzato nel settore pubblicitario, moda e glamour. Produzione di video pubblicitari, video musicali e reportage eventi. Servizi fotografici per pubblicità, book fotografici, fashion e glamour. Ritocco fotografico e Visual Effects
agenzia, produzione, video, riprese, droni, servizi, fotografici, ritocco digitale, visual effects, fotografo, videomaker,
17739
post-template-default,single,single-post,postid-17739,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

Perché Joker è un successo

perché joker è un successo

Perché Joker è un successo

Come penso tutti quelli che mi conoscono sappiano, sono sempre stato un fanatico di fumetti e di supereroi in genere. Ho sempre avuto una predilezione per i personaggi della Marvel rispetto a quelli della DC Comics, ma in generale ho letto quante più storie possibili.
Ovviamente non mi sono perso neanche un film ispirato ai personaggi che hanno accompagnato la mia adolescenza (e non solo).

Premesso questo, avrei potuto perdermi il tormentone di fine 2019, ossia il film dedicato al villain di Batman per antonomasia JOKER?

In realtà sono stato combattuto perché il trailer non mi aveva convinto particolarmente e soprattutto perché ho adorato il Joker di Heath Ledger e secondo me nessun altro avrebbe potuto eguagliare la perfezione artistica del cattivo de “il cavaliere oscuro”.

Alla fine ho ceduto alla curiosità per il clamore suscitato da questo film, sono andato a vederlo e…

CHI È JOKER

Facciamo una piccola intro e iniziamo parlando di chi è Joker. Per chi è a digiuno di fumetti ed ha visto solo i film, inizio con il dire che al contrario da quanto narrato da Tim Burton nel suo Batman (1989), le origini del Joker non sono chiare e sono passati molti anni prima che la narrazione fumettistica della DC Comics cominciasse a svelare qualche cosa.

Joker non ha nessun potere o abilità sovrumana e nonostante questo rimane il cattivo numero uno a Gotham City e arriva perfino ad attaccare Metropolis tenendo testa a Superman.

Joker non vive con uno scopo, ma è un agente del caos che vede nell’anarchia l’unico vero modo di vivere. È molto intelligente, è portato per la chimica, l’informatica e la meccanica.

L’unico tratto che lo contraddistingue è la pazzia più assoluta.

TUTTI I JOKER NEL CINEMA

Il clown psicopatico è apparso più volte sul grande schermo ed ha sempre avuto grandissimi attori ad interpretarlo.

Joker 1966

Il primo Joker della storia è stato quello interpretato da Cesar Romero nel 1966. Ovviamente a quei tempi il cinema era più soft e la versione del Joker era più simile ad un criminale burlone che univa i piani malvagi al suo essere “clown”.

L’interpretazione è stata valida, ma rapportata ai canoni di oggi assomiglierebbe più ad una parodia per bambini.

joker (jack nicholson)
Il secondo Joker è stato impersonato dal grande Jack Nicholson nel film Batman di Tim Burton del 1989. In questo film la “pazzia” di Jack Nicholson ha caratterizzato il personaggio facendogli fare un salto di qualità. Questo Joker è un criminale che viene buttato da Batman in un calderone pieno di acido e ne rimane sfigurato tanto da avere un finto sorriso permanente. Diventato Joker dimostra la sua follia unitamente alla sua intelligenza e alla comicità. Questa accozzaglia lui la definisce “arte” e la sua missione è quella di portare la sua arte nel mondo.

joker heath ledgerUn’altra grande interpretazione di questo personaggio è stata quella di Heath Ledger nel film del 2008 Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan. In questa pellicola Joker è stato magistralmente riportato alla vita da Heath, dove la follia è pura e non ha niente di comico. Un personaggio veramente dark in puro stile DC Comics che ha come unico obbiettivo l’Anarchia totale.

Rumors indicano l’aver interpretato il Joker come causa del suicidio dell’attore. Heath Ledger si è rinchiuso in una stanza d’albergo segregato per 5 mesi per poter costruire il suo personaggio. L’addentrarsi nella follia del clown assassino, lo avrebbe portato alla depressione che poi è culminata con il suicidio. Ripeto questi solo rumors e non c’è nulla di fondato.

joker jared leto

Nel 2016 Joker si è rivisto nel film Suicide Squad di David Ayer interpretato da Jared Leto. A mio avviso il Joker più brutto mai visto. L’unica scena riferita a questo personaggio degna di essere vista è quella della “nascita” di Harley Quinn. Per il resto il personaggio è inutile quanto grottesco.

IL JOKER DI TODD PHILLIPS

ATTENZIONE CONTIENE SPOILER!!! (se non avete visto il film non leggete)

Finalmente siamo arrivati a parlare di Joker di Todd Phillips (2019) interpretato da Joaquin Phoenix. Questo film è diverso da tutto quello che abbiamo visto sino a qui. Chi va al cinema pensando di vedere una pellicola sul personaggio di un cinecomics rimarrà estremamente deluso.

Il personaggio rappresentato in quest’opera è decisamente meno fantasioso di quanto si potrebbe pensare e anzi è estremamente reale e facilmente identificabile con chiunque di noi.

Arthur Flech è un ragazzo introverso e senza futuro che vive con la madre malata e psicologicamente provata. Il suo passato è un passato duro dove Arthur è sempre stato vittima di tutti. Il suo presente non è migliore del passato e lo vede lavorare come clown per feste e negozi, dove tutti si approfittano di lui ed è costretto a subire angherie da parte dei colleghi e delle persone che incontra.

Soffre di una malattia nervosa per cui qualunque situazione stressante che lo porta ad essere triste, agitato, impaurito o in generale qualunque stato d’animo forte, Arthur inizia a ridere in maniera sguaiata e senza potersi fermare. Inutile dire che questo problema lo porta spesso a trovarsi nei guai.

Questo film è un viaggio vero nella pazzia dove un semplice ragazzo con qualche turba psichica impazzisce giorno dopo giorno a causa della società in cui vive fino a diventare Joker.

A tratti vi dimenticherete che il film è incentrato sulla nemesi di Batman perché la pazzia che colpisce Arthur è la stessa che potrebbe colpire ognuno di noi.

L’interpretazione di Joaquin Phoenix è assolutamente da oscar. Il film scorre via leggero e non ti stanchi di guardarlo e Joaquin trasmette un malessere di vivere che ti entra nelle ossa. Alla fine riesci perfino a provare compassione per quello che è stato nominato al primo posto nella lista dei più grandi cattivi di sempre dalla rivista Empire.

La color grading di questo film è azzeccatissima e riprende la color di vari film a tema caos e anarchia.

(qui di seguito un esempio: a sinistra Joker e a destra il film Anarchia – il giorno del giudizio)

color grading joker

 

RECENSIONE

In definitiva il successo di Joker di Todd Phillips e Joaquin Phoenix è dovuto al fatto che Arthur è un personaggio talmente reale che ci rivediamo in lui e nel suo senso di inadeguatezza in un mondo che non è fatto per l’individuo medio PERCHÉ TUTTI VORREMMO ESSERE BATMAN, MA ALLA FINE SIAMO PIÙ SIMILI A JOKER

No Comments

Post A Comment

× Posso aiutarti?